Ci siamo trasferiti

Buongiorno a tutti, da oggi si riparte.

Ci ho messo qualche bel mesetto prima di decidermi su ‘sta cosa del Blog, ma come è già ben noto io mi muovo con tempi biblici. Il titolo è stato senza dubbio il tema sul quale ho rimuginato di più, e il fatto che ora il Blog si intitoli “Un’italiana a Exeter” è la prova che i mesi spesi a pensare hanno portato senza dubbio ad un ottimo risultato. Poi è stata la volta di capire come chiudere questo e aprirne un altro. Potrei essere poetica e iniziare a parlare dello scorrere della vita, della continuità dopo la rottura, ecc… la verità è che non sarei mai stata in grado di aprirne uno nuovo, dunque continuiamo su questa strada già tracciata (con l’aiuto sapiente di una vecchia amica) e se ci vogliamo leggere anche un significato simbolico, perché no?

Per cui questo “ci siamo trasferiti” va letto “da quasi 10 mesi”.

In realtà il tempo vola e considerando che il mio inglese non ha fatto nessun balzo in avanti mi sento ancora una novella . Siamo arrivati a metà settembre in questa simpatica cittadina dell’Inghilterra sud occidentale e nonostante le mie resistenze iniziali e il dolore di lasciare la mia Amata Graz, ora posso dire che qui non si sta affatto male e l’avventura che stiamo vivendo merita altrettanto rispetto! Graz è stata e sarà sempre la mia unica sola Graz, ma la vita continua e diciamo che Exeter (per dirla come Ross disse a Rachel dopo averla tradita) é diversa. Non sono interessata a fare paragoni tra le due, non sarebbe possibile.

Oggi è una caldissima domenica di giugno, sono sdraiata sul telo da picnic nel parco vicino a casa, nessun filo d’ombra da nessuna parte, per poter vedere lo schermo ho dovuto imbastire sul momento una sorta di tenda che collega la mia testa e la borsa dietro al pc. È evidente che io non debba evocare un’immagine molto suggestiva, sento molti sguardi su di me, per cui ora chiudo, e prometto di scrivere presto tante cose sulla nuova vita a Exeter.

 

ps la nuova foto di copertina fa molto romanzo di Rosamund Pilcher, senza nulla togliere agli amanti del genere sento intimamente che non durerà a lungo. Tornare è molto faticoso, soprattutto nella parte di elaborazione, si vede che sono parecchio arrugginita.

 

Annunci

6 risposte a “Ci siamo trasferiti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...